Studio o impresa? Parti dalla fine.

La prima cosa da fare per definire un progetto è partire dall’obiettivo finale.

Siamo abituati a definire gli obiettivi per l’attività del nostro studio?

Sicuramente, spero, qualche obiettivo c’è lo siamo posti, almeno all’inizio, ma è una vera abitudine. Un tipico errore che si corre il rischio di commettere, soprattutto con le nuove tecnologie, è quello di dotarsi delle attrezzature o dei software per poi decidere come utilizzarle, dove utilizzarle e quel che è peggio, perché conviene utilizzarle.

Abramo Lincon diceva: se ho 8 ore per abbattere un albero ne userò 7 per affilare la mia ascia. Che è un altro modo per ribadire il concetto che è meglio, nelle nostre imprese, partire dalla fine.

Il problema non lo risolvo buttandomi sulla prima tecnologia o sulla prima soluzione che trovo su internet. Il problema lo affronto partendo da un progetto e la prima cosa che devo fare per definire un progetto è partire dall’obiettivo finale. Cosa voglio ottenere?

Devo avere chiaro scritto su un foglio il mio obiettivo, possibilmente sotto forma di numero, quindi concreto, realizzabile e con un tempo ben definito. Sarà cosi molto più semplice definire le risorse economiche che servono, le attrezzature più utili e necessarie e il tempo previsto per la realizzazione.

Il secondo errore che si corre il rischio di commettere è quello di imporre i nostri progetti, e gli obiettivi che ne conseguono, alle persone che collaborano con noi. L’imposizione “dall’alto” non piace a nessuno e ha, come unico effetto, quello di creare antipatia immediata per la novità. Molto meglio condividere fin dall’inizio i nostri progetti coinvolgendo le persone che subiranno le nostre decisioni in modo che ognuno possa cogliere fin da subito la responsabilità che sta dietro alla realizzazione di una nuova idea.

 

Resta aggiornato!
Iscriviti al blog di YouniquePRO per ricevere ogni settimana un nuovo articolo utile per la tua impresa in odontoiatria.

Obiettivi e simili

Il piano d’azione è fondamentale per disegnare nella nostra testa le tappe necessarie al raggiungimento del successo.

Da qualche tempo sto parlando, nei miei articoli, degli obiettivi soprattutto in riferimento all’obiettivo più importante per noi che è la salute della bocca.

Spesso le persone si siedono sulla poltrona di fronte a me e, a meno che non abbiano proprio in quel momento un forte dolore o disagio o fastidio, non sanno dirmi esattamente cosa vogliono. Questo è il primo aspetto da considerare.

Prima di tutto dovremmo cercare di stabilire un obiettivo, per quella seduta o per tutte le sedute successive in modo che alla fine avremo un vero piano dettagliato di ciò che è necessario fare per raggiungerlo.
Facendo questa operazione avremmo già ottenuto due importanti vantaggi: il primo sarebbe quello di avere un piano d’azione e il secondo, per il paziente, sarebbe quello di avere condiviso il proprio piano con un’altra persona.

Il piano d’azione è fondamentale per disegnare nella nostra testa le tappe necessarie al raggiungimento del successo. Il fatto di condividere il piano con qualcuno ci permette di prendere l’impegno per il successo di fronte ad un’altra persona…ed è mooolto più difficile non mantenere questa promessa.

Michele Rossini

Se ti è piaciuto questo articolo richiedi maggiori informazioni cliccando qui.

Immaginazione: una parola davvero interessante

Tutti nasciamo con i giusti meccanismi per riuscire nelle cose, tutti veniamo al mondo con il giusto meccanismo per ottenere i risultati che ci immaginiamo.

 

Gli esseri umani differiscono da tutti gli altri esseri viventi per la loro capacità di immaginazione.

Uno scoiattolo che nasce in primavera ai primi segni dell’autunno comincerà a preparare cibo e tana per l’inverno. Nasce infatti con tutto il corredo di conoscenze per avere successo nel suo scopo. Il suo obiettivo è sopravvivere all’inverno e procreare per continuare la specie.
Gli altri esseri viventi di questo pianeta hanno ognuno uno scopo preciso, (istinto), con il quale nascono e hanno anche tutti i mezzi automatici, (innati e già conosciuti), per portare a termine il loro scopo.

Gli esseri umani hanno una differenza fondamentale: nascono con tutti mezzi necessari per raggiungere il successo ma non hanno già uno scopo preimpostato, hanno infatti la possibilità di immaginare infiniti scopi o obiettivi.
Non abbiamo bisogno di nuovi mezzi per raggiungere il successo, gli strumenti che ci servono sono già installati nella nostra mente a N.O.I. rimane solo il compito di immaginare degli obiettivi da raggiungere.

Quando i pazienti si siedono davanti a me, mi piacerebbe che mi parlassero dei loro obiettivi e dei loro scopi perché il mio compito è guidarli attraverso un percorso che li aiuterà a raggiungerli e ad avere successo ottenendo la salute che si meritano.

Tanti mi direbbero che immaginare di avere una bocca in salute non vuol dire avere una bocca in salute. Vero. E vi dico anche che, immaginare questo obiettivo, rimane comunque il primo giusto passo per ottenere quello che vogliamo.

Michele Rossini

Se ti è piaciuto questo articolo richiedi maggiori informazioni cliccando qui.